la Repubblica | G Rent entra nel capitale della startup SMACE

Smart Work in a Smart Place

G Rent, proptech company attiva nel settore dell’hospitality di immobili di lusso e quotata su Euronext Growth Milan, è entrata nel capitale di SMACE. Startup innovativa che ha l’obiettivo di promuovere presso le aziende e i loro collaboratori l’utilizzo di strutture ricettive di lusso destinate al rent per l’attività di smart working. Non sono stati diffusi i dettagli finanziari dell’operazione, che punta sul consolidamento del fenomeno “workation” – unione dei termini “work”, lavoro, e “vacation”, vacanza – emerso durante la pandemia.

G Rent metterà a disposizione della startup una selezione di immobili di lusso adeguati allo svolgimento di attività in smart working, presenti all’interno del proprio portfolio, mentre SMACE fornirà servizi di marketing e di consulenza per la promozione di tali immobili presso i propri clienti, aziende e i loro lavoratori e collaboratori.

“Siamo orgogliosi di avere portato a termine questa operazione – ha commentato Emiliano Di Bartolo, AD di G Rent – con una società innovativa in cui crediamo molto. Il nostro obiettivo è quello di rafforzarne il posizionamento sul mercato attraverso nuove competenze e connessioni, oltre ad apportare una visione strategica di medio e lungo periodo, fornendo quindi un supporto determinante nel guidare il business della società nel nuovo scenario sorto successivamente alla situazione pandemica”.

SMACE è entusiasta di avere nella sua compagine sociale Gabetti Short Rent – ha dichiarato Marta Romero, fondatore di SMACE – in quanto prezioso partner per lanciare i nostri servizi di Hybrid Workplace. Oltre al mercato italiano, la prossima frontiera sarà sicuramente quella internazionale per far vivere ai professionisti stranieri il nostro paese come meta perfetta per lavorare e vivere esperienze autentiche”.

Articolo di la Repubblica, finanza. Link all’articolo.